• domenica , 25 febbraio 2018

Solo un renzusconi al giorno toglie lo spin doctor di torno

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Ascolta con un solo click.

 

Berlusconi se ne frega di vincere le elezioni che lo porterebbero solo ad aver un sacco di guai dentro una coalizione di ammuffiti soldati di ventura, coriacei, pieni di ferite e di aspettative per una vecchiaia ricca solo di vendette e regolamenti di conti personali.

Ci riferiamo a quella quarta gamba che farebbe girare il cavaliere come una trottola impazzita. A Silvio è già successo e succederà ancora. Cambiano i volti ma la musica è sempre quella: meglio essere indispensabile, e fuori dalle grane che aspettano il Paese. Meglio dunque aiutare il prossimo governo renziano, mettendo in campo la sua abilità trasformista e gattopardesca, affinché possa fare strike e buttare giù tutti i birilli.

Questo mese, che ci divide dal giorno del “giudizio elettorale”, sarà un crescendo di quella formazione renziana, la quale vede dalla sua parte anche l’attempato Romano Prodi che, notoriamente, non solo è fortunato, ma la fortuna la porta pure e soprattutto sa riconoscere gli odori della vittoria.

Vi dirò: non è neanche escluso che per un po’ lo stesso professore possa essere nominato primo Ministro, al fine di tranquillizzare gli italiani e gli europei, particolarmente in apprensione per la calata dei “barbari” (a dir loro) del Movimento 5 Stelle e soprattutto di quella Lega di Matteo Salvini che ha l’imperdonabile difetto di credere in quello che dice…quindi ancor più pericoloso secondo i buoni costumi gattopardeschi italici.

Alla fine, emetterà il primo vagito il tanto atteso “renzusconi”, che avrà avuto ragione di due amanti che fornicavano da lungo tempo, ma mai convogliati a nozze per una serie di circostanze oggettivamente sfavorevoli.

Ci volevano i 5 Stelle per serrare le fila e mettere d’accordo i litigiosi gattopardi che, negli ultimi anni, hanno perso la bussola permettendo alle banche di eccedere fino al punto di strozzare famiglie e imprese.

Un po’ come se le case farmaceutiche facessero morire o guarire quei pazienti che invece devono essere malati a vita. Un errore clamoroso cui bisognerà assolutamente riparare riesumando almeno le persone in fin di vita. D’altronde, non è un renzusconi al giorno che leva lo spin doctor di torno?!

Post simili