Macron e i pericoli di una Guerra civile europea

Quando vengono prese decisioni che incasinano la nostra vita, i protagonisti della politica ci raccontano delle conseguenze nefaste che sarebbero accadute se tali provvedimenti non fossero stati pigliati. 

Ascolta

 

È una litania vecchia come il mondo che viene raccontata al popolo per migliorare la qualità dell’esistenza di coloro i quali prendono decisioni, naturalmente “pro domo loro”, a scapito delle persone che ne subiscono le conseguenze. 

In Italia, sono anni che ci raccontano cosa sarebbe successo se non avessimo ceduto la nostra sovranità monetaria a favore dell’Europa: affascinati dal pifferaio magico lo abbiamo seguito finendo colonizzati dalla Banca Centrale; ci raccontano di turbolenze finanziare che avrebbero fatto precipitate l’Italia in fondo alla classifica dei Paesi d’Occidente. Insomma, ci raccontano tante cazzate per giustificare una “visione” che non sará mai possibile verificare perchè non c’è prova contraria. 

Una cosa però la sappiamo con certezza, la maggior parte dei cittadini del Paese si è trovata la metà del valore di acquisto dei suoi risparmi e una vita il doppio più cara; a partire dalle pubbliche amministrazioni che hanno pensato bene di raddoppiare il costo dei servizi, o quasi! 

Oltretutto è successo che, dopo tanti anni e una Unione Europea concorde solo nel vietare ogni cosa ad alcuni Paesi avvantaggiandone altri, ci sono pure Stati membri che fanno concorrenza sleale ad altri Stati membri, accogliendo a braccia aperte le aziende multinazionali offrendo loro maggiori vantaggi fiscali e una mano d’opera a minor costo.

Se dopo tanti anni, l’euro non ci ha portato nulla di buono, ci viene il sospetto che la moneta unica sia stata fatta ingoiare al ceto medio come una polpetta avvelenata per spogliarlo del lavoro, dei risparmi e della casa: come puntualmente è successo e continua a succedere! 

Forse il recente intervento di Emmanuel Macron, nella sede di del Parlamento di Strasburgo, non era tanto visionaria quando accennava ai pericoli di una possibile Guerra civile europea.