Le vitamine di Puigdemont contro il pata negra di Rajoy

Oggi il Journal torna in Catalogna, dove in piena campagna elettorale le vitamine proposte da Puigdemont sono in competizione con il prosciutto pata negra di Rajoy.

ascolta

 

Solo fino a qualche giorno fa sembrava che la Spagna fosse di nuovo sull’orlo della guerra civile dove madrileni e catalani, comandati dai rispettivi generalissimi Rajoy e Puigdemont, duellavano con le parole pronti a fare fuoco – se fosse stato necessario.

Ora fortunatamente la baruffa è rientrata e i due comandanti si affronteranno nelle urne a ridosso del Natale per riaccendere gli animi focosi dei rispettivi elettori.

Certo, Puigdemont sarà svantaggiato per aver deciso di duellare a distanza con le armi di ultima generazione come i social, e parteciperà alla competizione con uno staff composto da Twitter, Facebook, video messaggi, Instagram e tutte quelle diavolerie moderne con cui la nuova classe dirigente si propone al popolo sofferente.

Un popolo che si tenta di convincere che la fame è solo una illusione e il lavoro manuale, un volgare “attrezzo” del passato; oltretutto per sostenerlo ha bisogno di quelle energie antiquate che vengono propinate col pane, la carne, il prosciutto pata negra, verdure e vino, tutti cibi che fanno male alla salute: oggi, invece, nella ricetta di Puigdemont c’è una compresa vitaminica e via, ecco che viaggi come un treno. Al contrario, Rajoy offre il classico pane e prosciutto pata negra.

Ma eravamo rimasti alla prossima campagna elettorale catalana che riattaccherà la musica d’Europa qualche giorno prima del voto, quando ascolteremo ora le ragioni degli uni, ora le ragioni degli altri che si contenderanno il primato, e dopo? Cosa succederà dopo se dovessero vincere gli indipendentisti?

Intanto la Catalogna è stata svuotata di ogni ricchezza per convincere i più ostinati elettori autonomisti che in fondo gli ideali vanno bene, ma campare è un’altra cosa!

Certo, se quella volpe con la faccia da volpe di Puigdemont, si fosse fatto arrestare, piuttosto che fuggire come il vil coyote da Barcellona per scappare a Bruxelles avrei scommesso su di lui, ma in quella posizione com’è che si dice: “lontano dagli occhi, lontano dal cuore”! Cari catalani, arrendetevi e tornate a mangiare il pane antico imbottito di pata negra che vi propone Rajoy, altro che le compresse vitaminiche di Puigdemont!