In fondo, eremitare, è mandare al Diavolo il prossimo!

Ormai sono anni che giro intorno alla nozione di eremitare e, dopo aver scritto due libri che hanno analizzato il significato della parola in lungo e in largo, da Nord a Sud e da Est a Ovest, mi sono convinto che la risposta è molto più semplice di quello che pensavo: è nient’altro che mandare il mondo a farsi fottere!

Ascoltare

 

Passiamo la vita a distinguerci dagli animali. E perché? Cosa c’è che non va nei cani, nei gatti e via discorrendo? Forse è perché siamo erectus? Secondo me siamo semplicemente scemi! Siamo scemi ad azzannarci l’un l’altro per nulla. Peggio dei lupi, per dirla con Hobbes.

Gli animali si battono a morte per una femmina, fanno un casino della Madonna. Tutte cause nobili che hanno a che fare con la sopravvivenza della specie. Invece, noi, per le cazzate più ignobili passiamo il tempo a tenderci degli agguati. E, di agguato in agguato, si fa notte… e poi viene giorno e ancora aspettiamo la notte successiva fino ad esaurire la nostra scorta di vita, per attendere qualcuno che al nostro funerale possa dire “era tanto buono!”.

Ma come era buono?! questo figlio di buona donna non ha fatto altro che agire d’egoismo, profittando di ogni occasione possibile, al semplice scopo di possedere di più, di avere più ricchezza, potere e prestigio. Semmai è un bene che sia lui ad essersene andato di un colpo! Ora capite che da una società siffatta è meglio eremitare, mandandola al Diavolo e di brutto.

Non c’è trattativa in questo mondo, se non per le persone che sono figli fortunati di un gratta e vinci. Nel senso che due miliardari hanno grattato e sei nato tu, senza aver alcun merito. Nello stesso momento, altre donne e uomini, “dannati della terra”, magari all’interno di un campo profughi, hanno raschiato un “gratta e perdi” ed è nato un bimbo che già al primo vagito è stato messo in galera per schiamazzo notturno.

Ed è così che i figli dei gratta e vinci, come nei più avvincenti racconti di Wilbur Smith, uno biondo platino e l’altro nero e scultoreo, passano la vita a massacrarsi… Pensate che fatica per campare! Allora mi chiedo, ma non è meglio mandare al diavolo gli spettatori, scendere dal palcoscenico… ed eremitare!?

Dipinto: Il rimorso di Nerone dopo l’assassinio di sua madre – J. W. Waterhouse