• domenica , 19 novembre 2017

Parliamone, ma parliamone dopo!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

 

Solo qualche giorno fa l’agenzia di rating Standard & Poor’s definiva il nostro Paese poco più che “spazzatura”!

Ascolta

Avete presente quei bambini vivaci che i genitori maleducati lasciano liberi nelle pizzerie? Ci riferiamo ai piccoli monelli che rompono le scatole agli altri clienti rincorrendosi nella sala mentre si prendono a spintoni, quelli che si infilano sotto i tavoli e schiamazzano dopo aver ridotto la tavola un lerciume, con il cameriere imbarazzato il quale cerca di spiegare ai genitori che i piccoli rischiano di farsi male.

Il finale di queste rappresentazioni di ignoranza è sempre lo stesso, il bambino cade, si rompe la testa, e a quel punto papà e mamma lo prendono a schiaffoni mentre gli tengono la salvietta bagnata sulla ferita per arginare il sangue della sbucciatura. Ecco, esattamente come quegli stessi genitori ignoranti e maleducati ci comportiamo con le nostre aziende di Stato o a partecipazione statale, inclusi gli istituti di credito privati per finta, visto il Decreto Salva Banche.

Insomma, ne parliamo animosamente solo perché è esploso il vaso di Pandora, e scopriamo che le cause dei fallimenti erano note agli esperti e osservatori più attenti, i quali sapevano ogni cosa, al punto che dopo ogni disastro ne descrivono minuziosamente i fatti come li avessero vissuti direttamente.

Mi chiedo perché non hanno mai parlato prima, – “perché non hanno preso a sberle il bambino prima che si facesse male” -, e perché abbiamo speso inutilmente i soldi della collettività tollerando la presunzione, l’ignoranza e la assoluta incompetenza di una calasse dirigente sempre abbronzata e – a volte – “cocainomane”, tanto per riempire la giornata e spendere i compensi milionari.

Paghiamo gli anni in cui il politico trombato, che faceva il medico nella sua precedente vita, lo abbiamo messo nell’azienda di trasporti pubblici, così come abbiamo nominato presidente di un’azienda sanitaria un ingegnere specializzato nei calcoli di cemento armato. Non parliamo poi di banche dove la maggior parte dei consigli direttivi sono di origini ignote. Invece, non sono ignoti i finanziamenti concessi agli amici degli amici protetti dalla legge sulla privacy, e addirittura dal Parlamento, Monte Paschi docet! La deflagrazione del vaso di Pandora avviene con Alitalia, dove ogni giorno emergono le cose più assurde sulla gestione dell’azienda da parte della classe dirigente che si è succeduta nell’arco della sua vita!

Ci vogliono le prove per accusare qualcuno, – come il sangue della la testa rotta del bambino in pizzeria prima di prenderlo a sculacciate. Eppure, – tanto per continuare con la metafora -, erano tanti i testimoni in pizzeria che avevano visto il ragazzino giocare sotto la sguardo indifferente dei genitori con due coltelli in mano, solo che non era possibile fermarlo legalmente prima che partisse la coltellata zigana. Per tornare alle aziende pubbliche, sono molti coloro i quali sostengono che la definizione manager è onnicomprensiva e nello specifico non è necessario sapere di cosa si occupa, ma gestirla: come fosse un Dio tonante! Infatti, la maggior parte di questi dei le hanno fatte fallire quasi tutte!

Alitalia e alcune banche, tanto per fare un paio di esempi!

Post simili