Prosciutto e parmigiano nuocciono alla salute, meno male che l’Onu c’è



Finalmente abbiamo capito perché i caschi blu dell’Onu non vanno in Libia a difendere i migranti venduti come schiavi e trattati peggio di animali nei campi profughi libici, e non solo.

Ascolta

Sono impegnati in una guerra ben più importante, contro il nostro prosciutto di Parma e parmigiano reggiano che, secondo gli strateghi dell’Onu, nuocciono gravemente alla salute e fanno più vittime che le traversate del deserto e il Canale di Sicilia.

Il dubbio che l’Onu fosse presa da un progetto “supremo” ci era già venuto, perché era tempo che non si vedevano commissari in giro per il mondo a difendere le “cause perse”, a parte qualche volontario inviato in Siria che, a titolo personale, chiedeva sesso in cambio del latte.

Infatti, i solerti funzionari e commissari erano tutti nei laboratori segreti a studiare la strategia per metterla in quel posto al parmigiano reggiano e al prosciutto di Parma, che pare dovranno appiccicare un’etichetta grande quanto la stessa forma di formaggio da 50 chili (praticamente un lenzuolo), con la scritta “achtung! Questo prodotto può nuocere gravemente alla tua salute, quella dei tuoi figli e pure dei vicini di casa”.

Ma non si sono fermati a questo. In alternativa ai prodotti italiani, dal Palazzo di vetro suggeriscono con discrezione e a bassa voce, quasi fossero afoni, che per campare cent’anni si mangino big hamburger di Mac Donald, stinchi di maiale tedeschi (meglio se ingurgitati all’Oktoberfest, accompagnandoli a due-tre boccali di birra bavarese), dietetici formaggi francesi da Androuet di Parigi.

Naturalmente, sono consigliati il burro di arachidi, le cavallette e gli scarafaggi cinesi ed infine i sorci morti che erano nella dieta di Camilla, sorella del marchese del Grillo, la quale si affidava ciecamente al noto nutrizionista Ricciotto che controllava il suo stato di salute sentendole l’alito.  

Gli esperti nutrizionisti dell’Onu, inoltre, sono convinti che una dieta a base di insalate confezionate e a lunga scadenza grazie ai gas dai conservanti “letali”, ketchup e merendine farcite con le patatine fritte possa sostituire una nociva dieta a base di prosciutto di Parma e parmigiano. Una dieta siffatta, sostengono, assicura un’alito profumato come quello della sorella del nobile Onofrio. Parola delle Multinazionali consulenti dell’Onu!