• domenica , 25 febbraio 2018

“Mi dispiace, ma io so’ io e voi non siete un cazzo!”

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Ascolta con un solo click.

 

Dopo un anno incandescente dove ci siamo azzuffati sull’argomento banche, dimenticandoci ogni altra cosa, ora è arrivato il momento di confrontarci duramente sulla politica; al solito la nostra generosità ci porta a gettare il cuore oltre l’ostacolo e dedicare tutti noi stessi a difesa della squadra di cui facciamo un tifo sfrenato, sperando vinca la gara.
Nel primo caso, riguardo alle banche, nessuno ha sconfitto nessuno, nel senso che dopo estenuanti audizioni e colpi di scena, abbiamo riscontrato che l’unico vero colpo lo hanno ricevuto gli azionisti, i quali sembra siano stati truffati da un anonimo malfattore di cui si è potuto tracciare solo l’identikit. A tutt’oggi, però, c’é da pensare che anche negli anni a venire non sarà preso, né tantomeno punito.
Da questa esperienza tutti i partiti, o quasi, chiedono che il prossimo Governo dovrà necessariamente istituire un’altra Commissione d’Inchiesta sulle banche, ma più coraggiosa della prima. Parole utili per conquistare qualche voto.

Dunque, la politica e le elezioni: eccoci di nuovo al Bar Sport, più agguerriti che mai, ad immaginare l’esito delle prossime elezioni del 4 marzo che, in cuor nostro, si spera scoppi un gran casino, perché altrimenti che gusto c’è ad assistere a una gara se non ci scappa l’incidente?
I campi da gioco sono tre, e ora l’uno, ora l’altro attirano l’attenzione degli osservatori perché si superano a vicenda con strategie che cambiano e modificano dopo ogni curva.
L’unico fatto certo è che quella lotta tra nobili e poveracci che pensavamo archiviata, è tornata prepotente alla ribalta con Berlusconi, il quale con un colpo di scena e inventandosi una democrazia tutta sua, continua a rifiutare un confronto con Di Maio, applicando quella regola ottocentesca espressa in maniera esemplare dal Marchese Onofrio Del Grillo quando affermava con convinzione “Mi dispiace, ma io so’ io e voi non siete un cazzo!”.

Post simili