La verginità perdura dei seguaci di San Matteo

 

Il popolo della Lega non corrisponde alla sua classe dirigente che, al contrario di questa, è scaltra ed abile non solo in politica, ma anche nell’amministrazione di città, Regioni e governi centrali: donne e uomini ben addestrati che da decenni si tramandano la nobile arte della politica.

Ascolta

 


Gli elettori della Lega, invece, sono sempre stati un po’ naïf, come il suo fondatore Umberto Bossi del resto, burbero, scamiciato e abile nel fiutare i venti del cambiamento.

Ma questa storia è già stata ampiamente raccontata.
Agli italiani il linguaggio da stadio, diciamoci la verità, non dispiace. Forse nelle tribune d’onore è un pochino più ricercato, nel senso che non sono scamiciati come nelle curve, anche se la parola è tutt’altro che forbita.

Quello che li distingue è che non “magnano” la cotoletta impanata, ma mordicchiano l’osso proprio dove l’orecchio di elefante è attaccato. Fritta a dovere da chef stellati che hanno allestito il sontuoso catering, subito dietro le poltrone Frau. Ecco, lì, i tanti “monezza” di Thomas Milliam vestiti da principini, intenti a sbafarsi il gustoso pasto tra una parolaccia e l’altra mentre la testa gli dondola da destra a sinistra in un movimento a pendolo, ruminano con la bocca piena seguendo la corsa del pallone.

Poi c’è il popolo della Lega, quell’oceano di gente che fa la differenza tra quel quasi 5% di qualche anno fa e il 34% di oggi, stante ai risultati delle europee. Certo, nel frattempo le truppe erano arrivate alla eccellente percentuale del 17% che fissava il risultato al 4 marzo 2018, quando l’armata divenne un popolo e accese la fantasia degli italiani i quali, sempre più numerosi, guardavano all’uomo che li rappresentava nel profondo della loro anima. E tutti presero coraggio!

Brava gente che si era spaccata la schiena tutta la vita per vedersi superare dai migranti ultimi arrivati che gli abbassavano il salario, quando non gli rubavano il lavoro. Almeno questo era ciò che volevano sentirsi dire per sfogare le loro frustrazioni. E i leghisti hanno cavalcato la protesta.

Lasciata a casa la politica, e cantando Gaber nella sua filastrocca “ma cos’è la destra, ma cos’è la sinistra?” si sono incamminati verso lo nemico e, battezzatosi li condottieri, hanno seguito lo crociato novello Brancaleone Alberto da Giussano.
È un popolo buono quello leghista, un popolo di brava gente che ha voglia di menare le parole e sfogarsi contro il sistema che gli ha mangiato la casa, la fabbrichetta, il negozio e, cosa più grave, la dignità.

Il colore della pelle per loro è simbolico perché, in realtà, ci vedono quei radical chic che attraverso la politica gli hanno fottuto la vita.
Si sono arruolati nell’armata dello condottiero perché sono incavolati, e quando lo vedono con lo spadone correre in groppa allo mulo si esaltano fino a toccarlo e adorarlo come fosse un Santo.

Il popolo dello condottiero è fatto così… visto che non ha più nulla, si diverte a fare i selfie, guancia a guancia con San Matteo, aspettando il turno per essere immortalato, fregandosene di arrivare a Gerusalemme. Rimane lì, in attesa che qualcuno gli restituisca la casa, la fabbrichetta, il negozio, lo studio da ragioniere e la dignità perduta che, come la verginità, forse, non ritroverà mai più!

Immagine: dettaglio della  copertina del libro  San Matteo

Collana: Piccoli semi Autori: Tommaso D’Incalci, Elena Pascoletti

edizioni Il pozzo di Giacobbe