“Gli alcolici vanno aboliti”, pare abbia detto quel burlone di Junker


È comprensibile chiedere di abolire tutte le sostanze che nuocciono alla salute: sigarette, droghe, alcol, cibi velenosi e quant’altro. Così come è lecito che l’Onu avanzi dei sospetti sul nostro prosciutto di Parma e sul parmigiano che, in maniera azzardosa, abbiamo sempre distribuito ai pazienti negli ospedali.

ascolta



Che i tanti tossici di alcolici, nicotina, prosciutto e parmigiano si riuniscano tutti nei centri di riabilitazione per togliersi il vizio! Del resto Juncker e i commissari UE sanno bene quanto sia importante stare lontani dai vizi! Lo sa soprattutto l’assistente di Juncker, Selmayr, costretto più di una volta a prendere le redini del Presidente della Commissione, quando questo tracanna un goccio di troppo!

Ebbene, lo confesso, io, per esempio, col prosciutto vado quasi in estasi…anche più di una canna!

Oddio, non tutti utilizzano le strutture pubbliche per disintossicarsi, ci sono anche i più fortunati che si curano privatamente, anche se molti di loro non seguono scrupolosamente il protocollo medico. Per questo sono in tanti quelli a cadere spesso in tentazione! Tutti i giorni e pure più volte al giorno.

Lo sa bene Junker, che dopo ogni figuraccia pubblica, provocata dalla golosità per tutte le bevande che superano i 45 gradi, nello svolgimento del suo lavoro spesso si presenta in pubblico come Gasparino “er carbonaro”, noto personaggio del film “Il marchese del Grillo” che sognava di essere nobile e, per uno scherzo del Marchese, lo è stato davvero per un giorno, con la complicità del rincoglionimento provocato dal troppo vino.

Ecco, un conto è ubriacarsi da Gasparino, il quale nella vita fa il commerciante di carbone, altro è se sei titolare di responsabilità istituzionali: Sarà forse per questo che, con tanta saggezza e buon senso, pur essendo un fervido credente del dio Alcol, Juncker ne sconsiglia l’uso?!