Aiutare la “crescita” con l’uovo sbattuto al Marsala


Ascolta

 

I genitori sono sempre in ansia per i bambini che, secondo loro, una volta camminano troppo tardi rispetto al figlio della vicina che a tot mesi già saltella per la casa, o preoccupati perché non gli spuntano i dentini, quando ai giardinetti vedono gli altri bimbetti che ancora non hanno compiuto un anno e azzannano già una grande coscia di tacchino come fossero in un picnic a Central Park nel giorno del ringraziamento. Insomma, sono preoccupatissimi, temono che i loro bambini non crescano come dovrebbero.

L’ansia della crescita non è circoscritta solamente ai genitori preoccupati per i loro figli, ma ad ogni cosa che stenta a svilupparsi come, per esempio, l’economia di quei Paesi come l’Italia sempre a sgomitare nelle ultime posizioni dell’Unione. E per analogia opposta a quella del bambino del parco che si sbafa una coscia di tacchino, noi facciamo fatica con le sole gengive a sgranocchiare qualunque cosa…figuriamoci il pane secco che provoca un dolore della Madonna.

Aiutare la crescita con l’uovo al Marsala, diciamo nel titolo, ma in Italia siamo ancora indietro rispetto agli integratori di ultima generazione di cui si nutrono i Paesi come la Germania ad esempio. Noi italiani ancora andiamo avanti con l’uovo sbattuto, zucchero e Marsala della nonna che non è più sufficiente per rinforzare l’economia italiana e competere col mondo.
Eravamo più all’avanguardia e allenati negli anni Sessanta, quando Mennea vinceva la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Roma.

Crescevamo, in quel periodo…accidenti se crescevamo; poi abbiamo pensato di essere invincibili e smesso di allenarci rimanendo all’ovetto sbattuto della nonna e ora ci preoccupiamo – come quella mamma ansiosa del bambino sdentato – dell’Italia che non cresce più perché poco avvezza ai sacrifici e condannata a stare passivamente sul divano. Un’Italia che si accontenta non dico del marsala, ma manco dell’uovo…tutt’al più della sua buccia.

Ma sì, meglio crescere spaparacchiati in poltrona con gli omogeneizzati scaduti del supermercato che quasi te li regala, piuttosto che alzarsi la mattina presto per andare ad allenarsi in fabbrica e aiutare la crescita di se stessi e del Paese senza l’aiuto di quegli indigesti omogeneizzati…  A questo punto, è preferibile tornare all’uovo sbattuto col Marsala della nonna e rimboccarsi le maniche come nel periodo in cui l’Italia cresceva. Con o senza denti poco importa (e certo non aveva il reddito pro capite che nell’era digitale ti marchia come uno straccione a vita). Con una sfumatura di parole, l’uomo “dignitoso” cerca opportunità, non elemosina.