la Brexit e lo “spaventauomini”


Grosse speculazioni aspettano i cittadini del Regno Unito all’orizzonte. L’intensità del suono dei tamburi cresce a ridosso del mese di marzo 2019, quando sarà definitivamente tagliato il cordone ombelicale con l’Europa. Scenari apocalittici già si raccontano al mondo dei risparmiatori, quando a Dover le cime della Britannia saranno recise con un colpo d’ascia.

Ascolta



Non è vero nulla di tutto ciò, per un motivo molto semplice: la banca d’Inghilterra ha da tempo stampato i famosi 50 MLD che Londra dovrà consegnare a Bruxelles, che sono stati caricati subito dopo la Brexit sui container, pronti a partire per placare la fame degli europei impoveriti e ridotti alla miseria da quella finanza che governa il Continente.
In special modo dall’avvento della moneta unica cui non ha fatto seguito altre importanti unificazioni, come per esempio un regime fiscale unico e un welfare comunitario.

Il Regno Unito se ne è andato e non tornerà indietro, come vorrebbero i domatori del circo Europa, perché non ha bisogno dell’Unione e non vuole essere colpito e affondato come la Grecia dove l’Europa, con quella mossa sconsiderata, ha spalancato le porte al populismo.

Il Regno Unito governa il Commonwealth di cui Elisabetta, seppur onoraria, ha la presidenza; e pensate un po’…dei 53 Paesi di cui ne fanno parte si annoverano l’Australia, il Canada e il Sud Africa, tanto per citarne alcuni.
Ah, quasi dimenticavo un dato marginale: l’insieme del Paesi che aderiscono al Commonwealth sono appena due miliardi: quattro volta l’intera Europa.    

Dunque, al Regno Unito l’uscita dall’Europa costa 50 MLD (miliardo più o miliardo meno)! La Banca d’Inghilterra non è come la Banca d’Italia che in via Tuscolana 417 stampa conto terzi gli Euro per la BCE; infatti stampa sterline. Insomma, non dipendono dai capricci del lettone Valdis Dombrovskis, il cui Paese contribuisce alle spese dell’Unione con qualche spicciolo.

E poi i britanni hanno avuto modo di verificare dall’interno che l’Europa così come è non ha futuro e piuttosto che continuare ad aspettare se ne sono scappati. Anche perché in un momento così delicato quale il dopo Brexit, mettere sull’uscio delle Borse valori di ogni città uno spaventa-uomini vestito di stracci non servirebbe altro che ad intimidire gli ingenui risparmiatori che si ostinano malgrado tutto a beccare i titoli di borsa avvelenati.