ULTIMI ARTICOLI

Il libro della settimana: “L’ingenuità conduce al disastro” di Roxana D.

Il libro della settimana: “L’ingenuità conduce al disastro” di Roxana D.

Il libro della settimana: “Non essere ridicola” di Brunella Schisa

Il libro della settimana: “Non essere ridicola” di Brunella Schisa

Il libro della settimana: “Scusa. Il magico potere di ammettere i propri sbagli” di Harriet Lerner

Il libro della settimana: “Scusa. Il magico potere di ammettere i propri sbagli” di Harriet Lerner

Il libro della settimana: “Le nuove melanconie. Destini del desiderio nel tempo ipermoderno” di Massimo Recalcati

Il libro della settimana: “Le nuove melanconie. Destini del desiderio nel tempo ipermoderno” di Massimo Recalcati

Il libro della settimana: “La lettera perduta” di Jillian Cantor

Il libro della settimana: “La lettera perduta” di Jillian Cantor

Storie curiose di persone “leggendarie”

Storie curiose di persone “leggendarie”

Libro della settimana: “La vita bugiardia degli adulti” di Elena Ferrante

Libro della settimana: “La vita bugiardia degli adulti” di Elena Ferrante

Libro della settimana: “Quaderno di quattro anni” di Eugenio Montale

Libro della settimana: “Quaderno di quattro anni” di Eugenio Montale

L’insostenibile leggerezza della bugiardia

L’insostenibile leggerezza della bugiardia

Un “Natale di seconda mano” nei campi profughi libici

Un “Natale di seconda mano” nei campi profughi libici

Una mostra ricorda l’emigrazione degli italiani: sacrifici e difficoltà

Una mostra ricorda l’emigrazione degli italiani: sacrifici e difficoltà

Facebook ti aiuta a togliere le mutande al cervello

Facebook ti aiuta a togliere le mutande al cervello

Il libro della settimana: “L’ingenuità conduce al disastro” di Roxana D.

Il libro della settimana: “L’ingenuità conduce al disastro” di Roxana D.

Credo che ognuna ha il suo motivo per esserlo, e magari ci sono quelle che fanno ciò per loro scelta, ci sono anche quelle che lo fanno perché non esiste un’altra soluzione, o perché c’è qualcuno dietro e che le costringe a farlo”. Ma si può esserlo anche per tutta la vita? Perché esiste anche se in forma psicologicamente diversa, fuori e dentro casa. Meglio forse aprire gli occhi per non diventare vittime di un plagio abilmente architettato.

Read more